Chi è un genitore consapevole?

Un genitore consapevole è un genitore che si fa domande… tante domande. Ecco perché qui ti parlo di Domande Utili e faccio degli esempi.



TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!


In Programmazione Neuro Linguistica (PNL), propongo l’uso (smodato) di uno strumento pratico per “eccitare” la propria mente a vedere le soluzioni. Sto parlando delle Domande Utili. Oltre a essere un ottimo strumento da usare con i figli, per chiedere loro la risposta corretta piuttosto che darla, è un perfetto strumento di crescita personale, di auto-motivazione e correzione.

Sul blog di Indipendenza Emotiva, spiego questo strumento e lo uso anche per la gestione del peso. Le Domande Utili sono magiche per chi vuole crearsi delle utili visualizzazioni per cambiare perché con un “grappolo” di Domande Utili si arriva a costruirsi una alternativa a ciò che non va e che abbiamo fatto… fino a un minuto prima anche.

Per accrescere la nostra trasformazione in un genitore consapevole, iniziamo con tre semplici domande da porsi quotidianamente…

Tre domande da porsi quotidianamente:

  1. Cosa succede in lui o lei (o loro) oggi? Li seguo? Ne sono consapevole? Ciò che accade (tra apprendimento, capricci e dispendio di energia) è consono con la sua età?
  2. Cosa faccio io? Come gestisco i momenti di tensione? Il gioco? La loro crescita sociale?
  3. Cosa posso fare per migliorarmi quindi?

E proprio da questa terza domanda parte la nostra costruzione e miglioramento in genitore consapevole con le Domande Utili. Vediamo un free style di una serie di domande che potrei pormi pensandoci in varie situazioni:

  • Come parlo?
  • Che tono uso?
  • Che parole uso?
  • Che parloe potrei usare invece?
  • Che linguaggio del corpo adotto?
  • Come passiamo del tempo insieme?
  • Mi congratulo quando fa qualcosa di buono?
  • Lo ringrazio quando fa una gentilezza?
  • Mi scuso se esagero?
  • Cosa posso usare al posto del sarcasmo?

Ti lascio con il suggerimento di quest’altro Vlog per “Quali sono gli obiettivi di un genitore“.

Aggiungi al tuo calendario la data del prossimo corso di Figli Felici a MILANO

iCalendar, Google Calendar, Outlook, Outlook Online, Yahoo! Calendar






Rendi il tuo stile educativo amorevole & strutturato. Aiutali a crescere nel mondo: diventa oggi leader emotivo e coach comportamentale dei tuoi figli. Ti seguirò passo passo anche nel gruppo di supporto incluso. Puoi iniziare adesso con la formazione online o il corso dal vivo.






Potrebbe piacerti anche…

Quali sono gli obiettivi di un genitore Quali sono gli obiettivi di un genitore? Cosa vogliamo per i nostri figli? Ecco la domanda da un milione di dollari! Gli obiettivi di un genitore devono essere meravigliosi, alti, motivanti… I miei per le mie figlie sono di vederle crescere emotivamente equilibrate, serene e responsabili. Nel fratte...
Bambino arrabbiato e consigli pratici Vediamo come aiutare un bambino arrabbiato a gestire la propria emozione? Per i piccoli tutte le emozioni sono nuove e sconosciute. Parliamo di rabbia e vediamo come gestirla al meglio. Cosa possiamo fare noi quando si irrigidiscono? Se sono piccoli, come possiamo evitare che si facciano del male? C...
Tuo figlio è un “piagnone”? 4 Motivi validi Tuo figlio è un piagnone? Lo è adesso più del solito? Esistono ragioni valide per cui lo sia diventato recentemente? Vediamone insieme quattro. Escludendo la prima (che era la mia) per cui il genitore totalmente ignorante e ignaro del proprio futuro si ritrova con bambini che piangono… Invece di par...
Mio figlio non parla con me, cosa fare in 7 punti «Mio figlio non parla con me», è triste confessare questa situazione. Ma se è vero e tuo figlio è ancora in età infantile, pensaci ora per tempo. Ha 8 anni, ne ha 10 e ti manca già di rispetto? Sta già in silenzio, non ti parla, non ti risponde e non sai cosa fare? E' presto, non sono ancora adoles...
Tristezza e figli: cosa fare? Primo di tre video sull’argomento emozioni dei nostri figli e perché è importante riconoscerle e come. Parliamo di tristezza e figli e scopriamo cosa fare, cosa non fare e vari casi. Il suggerimento base è quello di rispettare e riconoscere l’emozione per poi guidare il figlio verso risorse emotive....

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *