Tre semplici mosse per come aiutare un bambino che ha paura di leggere

Come puoi aiutare tuo figlio che ha paura di leggere? Oltre all’assistenza della scuola o di istituzioni per la valutazione di eventuali difficoltà, TU puoi fare tanto con il tuo ATTEGGIAMENTO.



TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!


Legge poco? Ha paura e tentenna? Ad ogni errore ne fa una montagna? Si agita e tu… ti agiti? Attenzione al brutto circolo vizioso dell’agitazione e della paura che gira intorno a se stessa.

Quale circolo? Quello della paura di sbagliare. È un tema a me caro quello dell’errore: l’errore come fonte di crescita è utile. Temere un errore è un peccato, si perde l’opportunità di provare, di migliorare, di ripetere, di consolidare…

Cosa fare se tuo figlio ha paura di leggere?

crescere figli autostima » PNL & Bambini » Debora Conti » Sperling & Kupfer » Figli Felici » Crescita Personale » Debora Conti Se tuo figlio ha paura di fare errori, se si aspetta di saper leggere da zero a cento senza vie di mezzo, sarà UTILE mostrargli che per imparare il segreto è sempre e solo quello…

Il segreto per imparare è la ripetizione. Ripetizione nella pratica e mentalmente, in generale, nello specifico della lettura, le esercitazioni pratiche e la passione per libri di suo gusto sono fondamentali.

Come aiutare tuo figlio che ha paura di leggere e di fare errori?

Lo sa, lui o lei ne è consapevole e quindi… E quindi NON LEGGE. Cerca altre attività, non ha mai voglia di leggere, non va volentieri in biblioteca. Si finge disinteressato, in realtà ha paura di sbagliare.

È naturale, ma COME aiutarlo?

Innanzitutto, è fondamentale che il genitore sia “dalla sua parte”, in quel fievole equilibrio tra la dolcezza del suo amore e la fermezza nella richiesta di leggere, il genitore sarà a disposizione del figlio.

  1. Leggete insieme e se è restio, leggete una frase ciascuno (è un giochino utile all’inizio se insiste che non vuole, un compromesso che crea un sentimento di alleanza)
  2. Abbi estrema pazienza. Aspetta e non leggere le parole al posto suo per “aiutarlo”!
  3. Aspetta in silenzio e sorridi: non mostrarti in tensione, non incalzare, attendi in PACIFICO silenzio.

E poi, una dritta molto importante e che consiglio molto nella formazione di Figli Felici è il “complimento mirato”. La chiave per un sano rinforzo è “un comportamento sottolineato è un comportamento rinforzato, nel bene e nel male”.

Lo sapevi?

Lo sapevi che le intelligenze sono nove? Non esistono solo l’intelligenza linguistica o matematica, esistono l’intelligenza esistenziale, spaziale, naturalistica, musicale… guarda qui tutte le intelligenze individuate da Gardner (https://figlifelici.deboraconti.com/sette-intelligenze-podcast/).

Rinforza una parola letta correttamente, rinforza i suoi piccoli (anche minuscoli) successi e complimentati in modo specifico; «Brava, bravo, hai letto una parola lunga e complicata. Complimenti!», «Accidenti, questa sì che era complicata, brava/bravo. Vedo che la ripetizione giova proprio alla tua lettura! Fantastico!», «Wow, brava/o, sei contenta/o immagino!». Di fronte ai suoi piccoli successi non dare mai per scontata una conquista, complimentati e in modo specifico.



Diventa genitore leader e coach dei tuoi figli: coach comportamentale e leader emotivo » Figli Felici » Debora Conti
Diventa genitore leader e coach dei tuoi figli: coach comportamentale e leader emotivo » Figli Felici » Debora Conti
Diventa genitore leader e coach dei tuoi figli: coach comportamentale e leader emotivo » Figli Felici » Debora Conti
Diventa genitore leader e coach

Qui impari come parlare, come chiedere, come accompagnare emotivamente e come guidare a livello comportamentale. Aiuta i tuoi figli con la guida emotiva e comportamentale della PNL della Positive Discipline e dello Yale Parenting Method. » Offerta in corso » TUA per 79€ anziché 97€

Clicca qui





TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!

Ciao, sono Debora, sperò che questo articolo “Tre semplici mosse per come aiutare un bambino che ha paura di leggere” ti sia piacito. Se hai una domanda sull’argomento lasciami un commento e sarò molto felice di risponderti. Per approfondire puoi guardare anche il video, di presentazione del metodo Figli Felici. Ciao, grazie e a presto!


Rendi il tuo stile educativo amorevole & strutturato. Aiutali a crescere nel mondo: diventa oggi leader emotivo e coach comportamentale dei tuoi figli. Ti seguirò passo passo anche nel gruppo di supporto incluso. Puoi iniziare adesso con la formazione online.







Articoli più letti…


Sgridare i FIGLI DEGLI ALTRI? 2 motivi per NON FARLO » PNL Bambini » Metodo Figli Felici » Debora Conti Sgridare i FIGLI DEGLI ALTRI? 2 motivi per NON FARLO
Dì la verità? Hai mai avuto voglia di sgridare il figlio di un altro? Io sì. Come no. Il problema è che non si fa. Lo si riprende, gli si spiega quella cosa che non va ma… Ma non si può sgridare i figli degli altri. La scena: Bambino di un anno più grande spintona violentemente il figlio (di 4 anni) di una mamma al parco. La mamma… Prosegui


Educazione e rispetto per sé? Non obbligare tuo figlio a baciare qualcuno! » Crescere figli sereni » Metodo Figli Felici » Debora Conti Educazione e rispetto per sé? Non obbligare tuo figlio a baciare qualcuno!
Lo scopo di questo articolo è parlare di educazione e rispetto, di forzature da parte del genitore troppo scrupoloso e di rispetto… Ma non verso gli altri, verso se stessi. Il rispetto che i figli devono saper coltivare per sé, le proprie scelte, la propria indipendenza e il proprio corpo, sin dai primi anni di vita. Devo ammetterlo, in… Prosegui


10 modi per SVILUPPARE la GRATITUDINE dei FIGLI » Linguaggio efficace bambini » Metodo Figli Felici » Debora Conti 10 modi per SVILUPPARE la GRATITUDINE dei FIGLI
Come possiamo sviluppare la gratitutine dei figli? Un bambino grato sarà un giovane educato e rispettoso… Così almeno ci dicono e mi sembra osservando le giovani adolescenti al compleanno di un’amica di Emma. La gratitudine dei figli è uno dei valori più importanti e basici che il genitore vuole sviluppare e per cui lavora incessantemente… Prosegui


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *