Quali sono gli obiettivi di un genitore

Quali sono gli obiettivi di un genitore? Cosa vogliamo per i nostri figli? Ecco la domanda da un milione di dollari!



TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!


Gli obiettivi di un genitore devono essere meravigliosi, alti, motivanti… I miei per le mie figlie sono di vederle crescere emotivamente equilibrate, serene e responsabili.

Nel frattempo, parliamo di 8 spunti per individuare i più importanti obiettivi di un genitore:



1 PRENDERSI CURA DI LORO
Sono state fatte delle ricerche che dimostrano che il vero “tempo di qualità” non è l’escursione della vita, la gita dell’anno, l’invito alla festa esclusiva… Proprio no, le cose importanti sono l’amore e la condivisione nella semplicità della quotidianità: colorare insieme un disegno, giocare al gioco dell’Oca in un insignificante pomeriggio di pioggia… Questa semplice condivisione del tempo accresce nel bambino la soddisfazione di uno dei due bisogni emotivi essenziali, quello di appartenenza. (Per i bisogni emotivi dei bambini ti rimando all’articolo “Appartenere e distinguersi: 1 dritta dalla positive discipline“).

2 FAR LORO SAPERE CHE LI AMIAMO
Certo, non solo con le parole e le frasi fatte. Proseguendo sullo stesso filo emotivo del primo punto, è bene fargli sapere che siamo lì (dedicando loro tempo e attenzione) e farl loro capire che li amiamo comunque. Anche se sbagliano, urlano, fanno un capriccetto o si dimenano sul pavimento indiavolati… Se loro capiscono questo nostor amore eterno e incondizionato, imparano a distinguere la loro identità di persone amate dai loro comportamenti: giusti, sbagliati, migliorabili.

3 INSEGNAR LORO COSA E COME FARE
(che in Figli Felici chiamo “Shaping”). Lo facciamo sin da quando suggeriamo loro di dire “mamma” o “papà”: mostriamo loro il labiale, ci facciamo sentire e li elogiamo per un suono anche vagamente simile al nostro suggerimento. Il fatto che lo facciamo con le parole, con la forchettina, con il bicchiere o il vasino non ci giustifica a lasciar andare il colpo. Il “mostrare” passo passo, cioè lo “shaping”, funziona sempre e – anche se l’incantamento dei primi mesi cala- è bene che uno dei nostri obiettivi sia quelli di continuare su questa linea… anche se significa ripetere per 200 volte l’anno come spazzolarsi i dentini 🙂

4 LASCIARLI SBAGLIARE
Tra tutti gli obiettivi di un genitore questo potrebbe essere impegnativo perché rischiamo di avere latte versato, panni “piegati” a forma di palla e ginocchia sbucciate e un infarto mancato da parte nostra! Sbagliare è necessario per migliorare, quindi è nostro dovere lasciar loro il tempo di sbagliare per diventare indipendenti, nelle piccole cose e nella vita. Ai giardinetti vedo a volte nonne o mamme decisamente troppo apprensive: “Non salire da solo”, “Non scendere da solo”, “Non andare sull’erba”, “Non toccare la terra”… Insomma, è giusto prevenire i pericoli ma isolarli da essi non sarà più possibile dopo ed è meglio che si abituino a sbagliare e giudicare.

5 IMPARARE AD ASCOLTARE
Sì, esatto, non loro noi… questo va da sé, eheh! Intendo, NOI ascoltare loro. Se ci sono paure, difficoltà emotive per qualsiasi ragione: in nuovi ambienti che frequenta, esperienze di crescita (come imparare ad andare in bici) e, naturalmente, dopo la scuola.

6 IMPARARE A TACERE E ASTENERSI
Mi capita di vedere le mie figlie interagire ed è bellissimo vederle abbracciarsi dopo che si sono beccate. Oppure vederle che trovano compromessi per me impensabili per l’uso dello stesso gioco conteso. Ho imparato che è molto meglio astenersi dal correggere o intervenire e vedere come vanno le cose. Va da sé che dobbiamo intervenire se si tratta di sicurezza di uno dei due figli!

7 SAPERE CHE SIN DA SUBITO SONO ESSERI DISTINTI DA NOI
Tanti anni fa incontrai una mamma, io ero ancora una ragazza molto lontana anche solo dall’idea di diventare un giorno mamma io stessa. Le chiesi com’è diventare mamma, e lei mi rispose molto serenamente che suo figlio non è “suo”, è un essere “a sé” e distinto. La cosa migliore che lei poteva fare era restargli accanto e aiutarlo a crescere al meglio. Mi colpì talmente tanto che mi rimase impresso per sempre. Vedo genitori che, se il figlio cade, pretendono di decidere se il figlio deve o non piangere. Se incontra la zia lontana, sono loro che vogliono decidere se il figlio deve o no baciare la zia. Non possiamo scegliere le emozioni per loro, noi possiamo solo suggerire.

8 ASPETTARE I LORO TEMPIDI APPRENDIMENTO.
Vengono al mondo e non sanno niente di niente. Devono imparare a distinguere il giorno dalla notte, e questa è la prova più difficile per i neo-genitori insonni e stanchi. Poi, devono imparare migliaia di cose: il viso di mamma e papà, come si sta seduti, come ci si rotola, le varie routine, scendere da uno scivolo, tirare una palla, le varie routine e mille altre cose a ogni fase di crescita. I genitori diventano pazienti di default, alcuni ci riescono meglio di altri ma imparano a rallentare e aspettare inevitabilmente. Chi non ci riesce rischia di arrabbiarsi veramente troppo spesso.




Rendi il tuo stile educativo amorevole & strutturato. Aiutali a crescere nel mondo: diventa oggi leader emotivo e coach comportamentale dei tuoi figli. Ti seguirò passo passo anche nel gruppo di supporto incluso. Puoi iniziare adesso con la formazione online.











Potrebbe piacerti anche…

Inside out e Tristezza Scopriamo come nel cartone animato Inside Out il personaggio Tristezza si mostra utile e fondamentale per crescere e unirsi empaticamente agli altri. Nel video ti parlo di tristezza, della sua utilità e di come nel cartone animato “Inside Out”, proprio grazie a “Tristezza” si può procedere con l’aiu...
Il fratellino picchia il grande: perché e cosa fare Mi scrive una mamma preoccupata perché il fratellino picchia il grande. Cosa fare e cosa non fare? E poi, perché mai il piccolo vuole picchiare? In questo video blog ho individuato quattro motivi per cui il fratellino minore picchi il grande. Nello specifico della richiesta il grande va alle medie e...
Mio figlio non parla con me, cosa fare in 7 punti «Mio figlio non parla con me», è triste confessare questa situazione. Ma se è vero e tuo figlio è ancora in età infantile, pensaci ora per tempo. Ha 8 anni, ne ha 10 e ti manca già di rispetto? Sta già in silenzio, non ti parla, non ti risponde e non sai cosa fare? E' presto, non sono ancora adoles...
Sgridare i figli degli altri? 2 Motivi per non farlo. Dì la verità? Hai mai avuto voglia di sgridare il figlio di un altro? Io sì. Come no. Il problema è che non si fa. Lo si riprende, gli si spiega quella cosa che non va ma… Ma non si può sgridare i figli degli altri. La scena: Bambino di un anno più grande spintona violentemente il figlio (di 4 anni)...
Il tempo per sé e il tempo PER I FIGLI Cara mamma che passi tutto il tuo tempo con i tuoi figli e solo con i tuoi figli, oggi ti voglio lanciare un messaggio: se ti ritrovi a rispondere in malo modo, troppo nervosamente a una richiesta “da bambino”… Stai attenta. Tu sei un adulto e hai bisogno di parlare con adulti, di staccarti a volte ...

Comments 2

  1. grazie per quanto ho letto sopra.
    Sono una mamma che lavora a tempo pieno e ho due figli che stanno crescendo “quasi da soli”…mi sento in colpa per il poco tempo che riesco loro a dedicare.
    vorrei condividere maggiore tempo con loro ed incoraggiarli a non avere paura della vita…che soprattutto in questo momento, sembra molto dura anche a me

    1. Post
      Author

      Ciao Teresa,
      anche se sei poco presente e per ora non ne puoi fare a meno, approfitta al massimo del tempo insieme, la sera o nei w-e per far sapere che il clima in casa è sereno, che voi ci siete, che l’amore regna in casa e sarà un aiuto enorme.
      Debora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *