4 + 1 modi per come aiutare tuo figlio che ha paura ad alzare la mano a scuola

Capita a volte che i nostri bambini abbiamo paura di sbagliare a scuola, di fronte ai compagni, di fronte alla maestra. Temono di non contribuire degnamente.



TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!


Adorano quando sono apprezzati e vorrebbero che fosse sempre così. Perciò evitano di alzare la mano a scuola.

Solo che, con queste alte aspettative verso se stessi, si perdono il bello di partecipare “per il piacere di partecipare”. La maestra lo ha notato, vede tuo figlio un po’ teso e preoccupato di dare la risposta sbagliata e che non alza mai la mano.

crescere figli sicuri di se » Genitori & Figli » Debora Conti » Sperling & Kupfer » Figli Felici » Crescita Personale » Debora Conti Spesso le risposte date dagli altri poi sono come la sua, corrette. Ma lui (o lei) non ha osato e allora, non solo ha perso l’occasione di provarci, non solo si è privato del sentimento di gratificazione dall’apprezzamento mancato, ha pure perso l’occasione di rinforzare il suo senso di stima verso se stesso.

È grave? Assolutamente no. Vediamo allora: come potremmo aiutare nostro figlio a contribuire di più? E a non avere paura di rispondere sbagliato?

Innanzitutto potremmo ristrutturare la situazione e mostrare a nostro figlio IL PUNTO DI VISTA della maestra. Una maestra a cui fa piacere vedere bambini sereni in classe e che partecipano. Bambini volenterosi di contribuire e che non hanno paura. Alla maestra dispiace quando lui (o lei naturalente) si trattiene perché, lui lo sa, la maestra non lo sgrida se sbaglia. Accetta e semmai chiede a un altro bambino.

Lo sapevi?

Lo sapevi che uno degli assiomi del Parenting Method dello Yale Parenting Method è che “ogni comportamento sottolineato è un comportamento rinforzato“? Stiamo quindi attenti a cosa rimproveriamo ai nostri figli e come li incoraggiamo.

L’ho già detto in altre occasioni, è importante mostrarsi imperfetti. Il genitore che fa errori, che li ammette (fase non scontata) e che poi si corregge, è un esempio anche per la sua vita sociale scolastica.

Dagli l’opportunità di correggere i proprio errori in casa. Se rovescia il bicchiere NON asciugare tu. Fallo fare a lui o lei. Questo sin da quando ha 2 anni, con calma, con più o meno intervento da parte tua. Seguito sempre da un bel rinforzo positivo.

In casa, fra di voi, mostra il tuo punto di vista aperto all’errore, alla possibilità di rifarsi, correggere, crescere proprio grazie alle cose andate storte! Se fa un errore incalzalo per correggere e rimediare. Se, mentre studiate e ripetete la lezione sbaglia, sii paziente e aspetti la risposta corretta.

E se è semplicemente insicuro sulla lezione?



Diventa genitore leader e coach dei tuoi figli: coach comportamentale e leader emotivo » Figli Felici » Debora Conti
Diventa genitore leader e coach dei tuoi figli: coach comportamentale e leader emotivo » Figli Felici » Debora Conti
Diventa genitore leader e coach dei tuoi figli: coach comportamentale e leader emotivo » Figli Felici » Debora Conti
Corso dal vivo

Diventa il genitore che vuoi essere: il coach comportamentale dei tuoi figli, il leader emotivo dal primo anno all’inizio dell’adolescenza. Impara strumenti utili per un rapporto amorevole e rispettoso “per tutti” in famiglia. » Offerta in corso » TUA per 97€ anziché 129€

Voglio saperne di più



Niente di più facile: RIPETETELA INSIEME. Fate una piccola mappa mentale, colorata e divertente. Preparate l’esposizione della lezione e non solo la conoscenza delle nozioni. Per tuo figlio è importante sentirsi sicuro e fluido nell’esporre. Questo prenderà dieci minuti in più al massimo a casa per non solo sapere ma SAPER ESPORRE la lezione. Una lezione piccola oggi, una lezione di vita per il suo domani!



TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!

Ciao, sono Debora, sperò che questo articolo “4 + 1 modi per come aiutare tuo figlio che ha paura ad alzare la mano a scuola” ti sia piacito. Se hai una domanda sull’argomento lasciami un commento e sarò molto felice di risponderti. Per approfondire puoi guardare anche il video, di presentazione del metodo Figli Felici. Ciao, grazie e a presto!


Rendi il tuo stile educativo amorevole & strutturato. Aiutali a crescere nel mondo: diventa oggi leader emotivo e coach comportamentale dei tuoi figli. Ti seguirò passo passo anche nel gruppo di supporto incluso. Puoi iniziare adesso con la formazione online.







Articoli più letti…


Perché mio FIGLIO NON ASCOLTA quando parlo? 9 RAGIONI VALIDE » Educazione figli & psicologia » Metodo Figli Felici » Debora Conti Perché mio FIGLIO NON ASCOLTA quando parlo? 9 RAGIONI VALIDE
Quante volte te lo sei chiesto: “Perché mio figlio non mi ascolta?” Ecco 9 ragioni valide per cui non lo fa. I nostri figli sono fantastici: hanno la piena capacità di isolarsi e di “abbassare” il volume degli altri che parlano… Sono particolari e meravigliosi: noi genitori dobbiamo rallentare con loro, ma dobbiamo scattare quando loro… Prosegui


Il PIANTO dei BAMBINI - dedicato alle NEO-MAMME » Educare i bambini felici » Metodo Figli Felici » Debora Conti Il PIANTO dei BAMBINI – dedicato alle NEO-MAMME
Il pianto dei bambini è tremendo, fonte di stress per chi lo subisce. E allora, dedico questa meravigliosa poesia di Alessandro Volta a tutte le neo-mamme che – come capitò a me – si trovano spiazzate da questo pianto apparentemente ingiustificato e protagonista nelle lunghe giornate con i neonati. Cara neo-mamma, consolati perché poi… Prosegui


Sgridare i FIGLI DEGLI ALTRI? 2 motivi per NON FARLO » Autostima dei figli » Metodo Figli Felici » Debora Conti Sgridare i FIGLI DEGLI ALTRI? 2 motivi per NON FARLO
Dì la verità? Hai mai avuto voglia di sgridare il figlio di un altro? Io sì. Come no. Il problema è che non si fa. Lo si riprende, gli si spiega quella cosa che non va ma… Ma non si può sgridare i figli degli altri. La scena: Bambino di un anno più grande spintona violentemente il figlio (di 4 anni) di una mamma al parco. La mamma… Prosegui


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *