Mio figlio non parla con me, cosa fare in 7 punti

«Mio figlio non parla con me», è triste confessare questa situazione. Ma se è vero e tuo figlio è ancora in età infantile, pensaci ora per tempo. Ha 8 anni, ne ha 10 e ti manca già di rispetto? Sta già in silenzio, non ti parla, non ti risponde e non sai cosa fare?



TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!


«E’ presto, non sono ancora adolescenti.» Ma tu lo sapevi che l’adolescenza oggi arriva prima? Lo studiano scienziati, neuroscienziati e biologi. Per le buone condizioni sociali e nutrizionali, per la cultura, per le interazioni, i bambini oggi crescono bene e prima. Il lato positivo è che crescano bene, controllando sin da piccoli i dentini, la vista, il peso e l’udito… Il lato negativo che è – HELP! – arriva prima la pre-adolescenza!

1. Confidati e mostrati imperfetto.
Mostra che sbagli. Racconta un tuo errore di oggi. Fallo en passant, senza sembrare una lezione di vita. Mostrati imperfetto e magari chiedi anche aiuto, perché no?

2. Mostrati vicino anche se in silenzio.
Non è necessario trovare le tue risposte per lui/lei/loro. Alle volte (molto spesso) basta restare loro accanto e far sentire il tuo affetto, la tua presenza, la tua accoglienza.

3. Fate giochi insieme.
Trovate attività sia casalinghe (come giocare a scacchi o a forza quattro) sia all’aria aperta (roller, trekking, pallone) da fare insieme. Non c’è bisogno di parlare, c’è bisogno di mostrare, di sorridere e di condividere.

4. Ascolta empaticamente.
Accetta le sue parole, la sua rabbia, le sue frasi illogiche, le sue paure. Ascolta e aiutalo a uscirne, con domande, con accoglienza, con empatia. Non spetta a te trovare le sue soluzioni.

5. Non minimizzare.
Se ogni volta che il figlio si rivolge al genitore questi ridicolizza o minimizza, è chiaro che il figlio non andrà più volentieri a parlare o a confidarsi con lui. «Con questo genitore sembra tutto così poco importante, io sembro poco importante… Non gli confesserò mai più il mio stato emotivo.» – ecco come può ragionare un bambino.

6. Non farti usare come uno zerbino.
Ci sono bambini che emulano altri a scuola e tornano a casa irrispettosi e maleducati. Frenali ora così sarà più facile riequilibrare eventuali “ribellioni” adolescenziali. non si dice stupida alla mamma. Non si manca di rispetto ai nonni, né al genitore più disposto a tacere. Mostra coerenza, forza (non fisica ma emotiva). Mostra controllo e contenimento emotivo.

7. Guarda lontano.
Se tuo figlio non ti parla e hai già agito con i punti precedenti, ottimo. Pensa ora a lungo termine, pensa a quando sarà adolescente, a quando sarà adulto. Tu sei il suo primo alleato nella vita e lo sarai per tutta la tua vita. Fai di tutto per restare al suo fianco come coach comportamentale e leader emotivo ADESSO, perché poi dovrà fare da solo.




Rendi il tuo stile educativo amorevole & strutturato. Aiutali a crescere nel mondo: diventa oggi leader emotivo e coach comportamentale dei tuoi figli. Ti seguirò passo passo anche nel gruppo di supporto incluso. Puoi iniziare adesso con la formazione online.











Potrebbe piacerti anche…

Tristezza e figli: cosa fare? Primo di tre video sull’argomento emozioni dei nostri figli e perché è importante riconoscerle e come. Parliamo di tristezza e figli e scopriamo cosa fare, cosa non fare e vari casi. Il suggerimento base è quello di rispettare e riconoscere l’emozione per poi guidare il figlio verso risorse emotive....
Bambino arrabbiato e consigli pratici Vediamo come aiutare un bambino arrabbiato a gestire la propria emozione? Per i piccoli tutte le emozioni sono nuove e sconosciute. Parliamo di rabbia e vediamo come gestirla al meglio. Cosa possiamo fare noi quando si irrigidiscono? Se sono piccoli, come possiamo evitare che si facciano del male? C...
Come preparare tuo figlio all’arrivo del fratellino o della sorellina Ricordo quando aspettavo Tessa, e Emma aveva due anni. Le facevo ascoltare la pancia, le spiegavo chi c’era dentro, e le leggevo libri che parlavano di fratellini. Sotto sotto però avevo paura che, una volta nata la sorellina, Emma si fosse sentita messa da parte, meno amata da mamma e papà. Poi ho ...
Genitori zen: prendersi cura di sé per loro, come si fa? Come si fa a prendersi cura di sé per aiutare al meglio i propri figli? Su cosa punta per diventare genitori zen? Quali sono i segreti di quei genitori che sembrano essere sempre amorevoli, mantenere sempre il tono di voce giusto e accogliere qualsiasi stato emotivo del proprio figlio?
Tuo figlio è un “piagnone”? 4 Motivi validi Tuo figlio è un piagnone? Lo è adesso più del solito? Esistono ragioni valide per cui lo sia diventato recentemente? Vediamone insieme quattro. Escludendo la prima (che era la mia) per cui il genitore totalmente ignorante e ignaro del proprio futuro si ritrova con bambini che piangono… Invece di par...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *