Inside out e TRISTEZZA

Scopriamo come nel cartone animato Inside Out il personaggio Tristezza si mostra utile e fondamentale per crescere e unirsi empaticamente agli altri.



TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!


Nel video ti parlo di tristezza, della sua utilità e di come nel cartone animato “Inside Out“, proprio grazie a “Tristezza” si può procedere con l’aiuto di Bing-Bong.

Per tutto il cartone animato il personaggio di Tristezza è stato trascurato, messo in disparte, relegato in un angolo come personaggio e emozione non importante. Infatti, Gioia, il personaggio della gioia e felicità vorrebbe che la bambina che la ospita nel cervello fosse sempre felice e contenta e taccia Tristezza di inutilità.



Fromazione ONLINE del metodo Figli Felici si basa su tre metodi contemporanei, la Programmazione Neuroliguistica (PNL), la Positive Discipline e il metodo educativo dello Yale Parenting Center.
Fromazione ONLINE del metodo Figli Felici si basa su tre metodi contemporanei, la Programmazione Neuroliguistica (PNL), la Positive Discipline e il metodo educativo dello Yale Parenting Center.
Fromazione ONLINE del metodo Figli Felici si basa su tre metodi contemporanei, la Programmazione Neuroliguistica (PNL), la Positive Discipline e il metodo educativo dello Yale Parenting Center.


Naturalmente Tristezza – be’ – si intristisce. Intraprendono un’avventura nel cervello fino a che Bing Bong ha bisogno di conforto. Cerca empatia e riconoscimento della sua emozione. Gioia sarà incapace di darglielo e solo Tristezza potrà risollevarlo.


Come?


Mostrandosi vicina e rispettosa dei suoi sentimenti. Basterà dire “I’m sorry” / “Mi dispiace” e Tristezza si avvicinerà empaticamente a Bing Bong. Lui si sentirà capito e l’avventura potrà procedere. Da quel momento tutto cambia. E’ la scolta.

Non solo in Inside Out, ma in tutta la psicologia contemporanea la tristezza è considerata un’emozione che ha valore e non da soffocare. Sappiamo già che soffocare le emozioni non le distrugge, non le annulla. Oggi tutta la psicologia infantile e per adulti sostiene di accogliere le emozioni, anche la rabbia, la paura e – naturalmente – la tristezza.

In PNL (Programmazione Neuro Linguistica) la tecnica prende il nome di “pace, pace and lead”, cioè segui, segui e poi conduci. Più che una tecnica, mi piace considerarla un giusto modo naturale per rispettare i sentimenti altrui e poi aiutarlo ad uscire da eventuale empasse.

La Positive Discipline che ho studiato e propongo in Figli Felici suggerisce di coinvolgere l’emozione, esserne consapevole e poi veicolarla verso la soluzione. Ed è proprio ciò che viene fatto nel cartone animato.

In PNL sfrutto un esercizio di Richard Bandler per gestire le emozioni, andare oltre la nominalizzazione e gestire l’emozione per ciò che è, per come un bambino di 4 anni potrebbe disegnarla. Se, per esempio, la paura è nera, cosa succederebbe se il bambino sentisse un altro colore nel corpicino? Nel metodo Figli Felici condivido con te anche questa tecnica.



Ciao, sono Debora, sperò che questo articolo “Inside out e TRISTEZZA” ti sia piacito. Se hai una domanda sull’argomento lasciami un commento e sarò molto felice di risponderti. Per approfondire puoi guardare anche il video, qui sotto, di presentazione del metodo Figli Felici. Ciao, grazie e a presto!


Rendi il tuo stile educativo amorevole & strutturato. Aiutali a crescere nel mondo: diventa oggi leader emotivo e coach comportamentale dei tuoi figli. Ti seguirò passo passo anche nel gruppo di supporto incluso. Puoi iniziare adesso con la formazione online.







Articoli più letti…


Come CORREGGERE quelle FRASI che NON DIRESTI MAI a tuo FIGLIO - Metodo Figli Felici Come CORREGGERE quelle FRASI che NON DIRESTI MAI a tuo FIGLIO
Ti è mai capitato di urlare una cosa a tuo figlio che poi, ripensandoci, ti dici: “Ma come cavolo mi è venuto in mente di dire così? Di esprimermi così? Mi sembra di essere mia madre/mio padre!”. In un precedente articolo ho voluto parlare delle urla, del perché urliamo ai nostri figli e cosa succede nel cervello che fa scattare questo…


Un MODO EFFICACISSIMO per rispondere a una Un MODO EFFICACISSIMO per rispondere a una “SPIATA” sul FRATELLO
“Mamma mamma, Luchino ha fatto cadere il bicchiere“ Come si affrontano le “spiate” dei fratelli? Cosa gli si dice? Quale atteggiamento migliore da mantenere? Innanzitutto, perché i bambini fanno gli spioni sui loro fratelli (o a scuola sui compagni)? Forse perché gli piace vederli nei guai? Forse perché vogliono vedere come se la…


Come EVITARE (per quanto possibile) di URLARE ai BAMBINI - Metodo Figli Felici Come EVITARE (per quanto possibile) di URLARE ai BAMBINI
Abbiamo già parlato del perché urliamo nonostante tutti i nostri buoni propositi (puoi leggere qui l’articolo in merito al funzionamento della parte libica del nostro cervello), ti ho anche già suggerito tre modi per cambiare il contenuto di quelle frasi dette con impeto, almeno per correggere le parole, se non possiamo sempre contenerci…




Da non perdere…


Non è mai TROPPO TARDI cambiare LINEA EDUCATIVA - Metodo Figli Felici Non è mai TROPPO TARDI cambiare LINEA EDUCATIVA
Cos’è una linea educativa? È il modo in cui decidiamo di educare i nostri figli, o l’atteggiamento che manteniamo – consciamente o inconsciamente – con loro. Se ti sei resa/o conto che la tua linea educativa è troppo dura, insostenibile, stressante e scorretta, eccoti un video per te. Si può sempre recuperare e cambiare la propria…


È giusto CONTROLLARE o DIRIGERE i loro GIOCHI? - Metodo Figli Felici È giusto CONTROLLARE o DIRIGERE i loro GIOCHI?
La risposta è no. Il motto di questo articolo è: facciamo dirigere i giochi a loro! È giusto supervisionare, controllare, ma mai dirigere o comandare i loro giochi. Ecco un video dal mio canale su YouTube… Si parla di come giocare e di come alcuni adulti non hanno ancora capito che giocare con i bambini significa mettersi DI FIANCO a…


Come INSEGNARE le REGOLE ai BAMBINI? - Metodo Figli Felici Come INSEGNARE le REGOLE ai BAMBINI?
Fate quello che dico ma non fate quello che faccio… No no no! Non è così che si fa a insegnare le regole ai bambini. Se ci tieni a vedere tuo figlio che si lava i denti ogni sera, fatti vedere farlo. Se vuoi che parli a bassa voce, non puoi urlare (se non – al massimo – alzare la voce per attirare l’attenzione, quelle due volte a…




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *