Come smettere di urlare ai tuoi figli in 28 giorni

Quante volte ti sei ritrovata/o ad urlare ai tuoi figli e dire cose inutili? Poi, a fine strigliata, dirti che sei stanca/o di urlare ai bambini, che tanto non serve a nulla



TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!


E, inoltre, ti sentivi anche spossata o stanco. Hai perfettamente ragione. Urlare troppo spesso ai bambini fa male a noi e non aiuta la loro crescita.

In questo articolo ti propongo un percorso semplice e poco impegnativo per almeno ridurre drasticamente le urla in casa. I periodi più temuti da noi genitori, e io sono la prima, sono le vacanze a casa, magari con il brutto tempo fuori, e bambini da gestire 24h. Primo giorno: ok. Secondo giorno: ok. Terzo giorno: stanchi. Quarto giorno: noia. Quinto giorno: aiuto. Sesto giorno: AHHHHHHH! E qui il nostro cervello pacato e zen si scatena e scatta all’ennesimo battibecco, capriccetto, litigio, disastro. NORMALE.

Sono una tipa semplice io, e forse la formazione allo Yale Parenting Center e il mio background in PNL mi hanno aiutata. Non credo che urlare qualche volta ai nostri figli li traumatizzi per la vita, questa è facile psicologia X=Y. Credo che urlare faccia male più a noi e non serva a nulla. Credo che tanto loro non capiscono il messaggio e non serva all'”educazione” nel più stretto senso della parola. Credo anche che, a lungo andare, urlare ci stressi e rischi di ammalarci. Attenzione quindi!

In altri articoli, ho già parlato del nostro cervello che va in tilt, leggiti questo articolo se vuoi dopo. Il lato positivo è che ci rende sani, normali e ci fornisce una giustificazione neurologica. Il fatto è che se abusate, le urla non aiutano molto. Oggi voglio trovare un modo semplice per smettere – o almeno ridurre drasticamente le urla in casa, per il tuo bene e per la crescita equilibrata dei tuoi bambini.

Perché urli?

Ecco due idee a caso… Perché ha allagato il bagno? PErché non vuole fare i compiti? Perché non vuole mangiare le verdure che hai cucinato e che avevate scelto insieme prima di cena? Perché continua a chiedere “perché”? Perché parla sempre!?! Perché urla appena alzato? Perché chiede sempre regali? Peché scrive su muri? Perché salta dal divano e rischia l’osso del collo? Perché non ti ascolta? Perché strappa i capelli alla sorella? Perché ruba un gioco al fratello e poi gli fa “Nana, na, nana”? TUTTO MOLTO C L A S S I C O!

Distinguiamo le urla dal tono di voce.

Facciamo una importante premessa. La voce è importantissima per un genitore di bambini piccoli (fino ai 6 anni almeno), ancora di più del contenuto del suo messaggio voglio dire.

Se non impari a gestire il tuo tono di voce e se non lo vari tuo figlio non capirà granché di urgenza, gravità, danni… Facciamo un esempio: si avvicina ai fornelli con la palla, cosa fai? Se dolcemente, a mo’ di Cenerella della Disney, gli dici che è pericoloso, che si deve allontanare all’istante, che… Ormai, si è bruciato tutto. In casi di urgenza è fondamentale saper usare il volume e il tono di voce fermo: “Attenta, via da i fornelli con la palla. Vai in sala per favore o prendi la palla molle e vai in cameretta.”.

Fermo, deciso. Di contro, urlare sarebbe un po’ sopra le righe, poco compreso, confuso, tu ti agiti troppo e lui o lei non capisce bene la gravità nel messaggio.

Come smettere di urlare ai bambini in 28 giorni.


Prima settimana

Annota le occasioni e i trigger che ti fanno imbestialire. Per quali motivi sopra citati ti scatta l’urlo insensato? Quali occasioni ricorrenti ti fanno diventare HULK, l’uomo verde? La prima settimana è facile, si tratta solo di osservare.

Seconda settimana

Qui inizia il cambiamento. Immagina COSA dire e COME dirlo proprio in quelle occasioni. Poi, rivedi nella tua mente le situazioni ESATTAMENTE come vorresti viverle, con frasi, parole, dialoghi, scambi di battute tra te e i figli, e perfeziona, varia, preparati nei minimi dettagli. Pensa anche a come vuoi dire le cose che vuoi dire, tra tono di voce, volume e tua posizione (accovacciata/o, vicino, con viso sereno magari?)

Terza settimana

La terza settimana dedicala a TE. Esclusivamente a te. Trova una attività da iniziare che ti rilassi, ti faccia sfogare, sia per te e per il tuo benessere psicologico. Qui trovi 5 suggerimenti in un mio altro blog. Ti parlo di “time out” dei genitori, di movimento aerobico, di meditazione… Scegli una attività, che duri anche pochi minuti al giorno e falla, in serena tranquillità, costante per tutta la settimana.

Quarta settimana

La quarta settimana è l’applicazione di tutto. Continua a fare quello che fai per te (corsa, camminata, respiri, meditazione, yoga…), rivedi nella mente le situazioni che ti sei precedentemente e sapientemente preparata/o come alternativa alle urla e poi inizia ad applicarle. Almeno una volta al giorno. Dopo ciascuna nuova situazione, vissuta COME VUOI, scriviti COME TI SENTI ADESSO. Scrivi cose come: bene, meglio, da Dio, rilassata, amorevole, corretta, serena, zen… Scrivi ciò che vuoi e che ti ricordi le emozioni che provi a gestire i tuoi figli con calma e fermezza.

Aggiungi al tuo calendario la data del prossimo corso di Figli Felici a MILANO

iCalendar, Google Calendar, Outlook, Outlook Online, Yahoo! Calendar






Rendi il tuo stile educativo amorevole & strutturato. Aiutali a crescere nel mondo: diventa oggi leader emotivo e coach comportamentale dei tuoi figli. Ti seguirò passo passo anche nel gruppo di supporto incluso. Puoi iniziare adesso con la formazione online o il corso dal vivo.






Potrebbe piacerti anche…

Tristezza e figli: cosa fare? Primo di tre video sull’argomento emozioni dei nostri figli e perché è importante riconoscerle e come. Parliamo di tristezza e figli e scopriamo cosa fare, cosa non fare e vari casi. Il suggerimento base è quello di rispettare e riconoscere l’emozione per poi guidare il figlio verso risorse emotive....
Aggressività nei Terrible Twos Mi scrive una mamma e mi parla del suo piccolo di 27 mesi. Ecco una tipica storia di aggressività nei terrible twos. Vediamo qualche consiglio da Figli Felici… Mi scrive una mamma raccontandomi del suo piccolino che sbatte le ante della cucina e picchia il cane. Vediamo cosa possiamo suggerirle seco...
Come evitare (per quanto possibile) di urlare ai bambini Abbiamo già parlato del perché urliamo nonostante tutti i nostri buoni propositi (puoi leggere qui l’articolo in merito al funzionamento della parte libica del nostro cervello), ti ho anche già suggerito tre modi per cambiare il contenuto di quelle frasi dette con impeto, almeno per correggere le pa...
Come correggere quelle frasi che non diresti mai a tuo figlio Ti è mai capitato di urlare una cosa a tuo figlio che poi, ripensandoci, ti dici: “Ma come cavolo mi è venuto in mente di dire così? Di esprimermi così? Mi sembra di essere mia madre/mio padre!”. In un precedente articolo ho voluto parlare delle urla, del perché urliamo ai nostri figli e cosa succed...
Non è mai troppo tardi cambiare linea educativa Cos’è una linea educativa? È il modo in cui decidiamo di educare i nostri figli, o l’atteggiamento che manteniamo – consciamente o inconsciamente – con loro. Se ti sei resa/o conto che la tua linea educativa è troppo dura, insostenibile, stressante e scorretta, eccoti un video per te. Si può sempre ...

Comments 2

    1. Post
      Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *