ASSENTARSI E COME DIRLO A VOSTRO FIGLIO

ASSENTARSI e come DIRLO a vostro FIGLIO

Volete scappare per un week-end romantico? O devi assentarti per lavoro? Come fai a dirlo a tuo figlio? Senza sentirti colpevole, senza che lui abbia paura e senza che tu “puzzi” di paura…



TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!


crescere figli sicuri di se » PNL & Bambini » Debora Conti » Sperling & Kupfer » Figli Felici » Crescita Personale » Debora Conti Ci ho pensato anche io e ci ho pensato tanto. A parte per le giornate di corso, ho raramente lasciato le mie bambine da sole per più giorni.

Avevo paura che sentissero la mia mancanza e che chiedessero dove diavolo era finita la mamma (ego materno!).

E poi avevo anche paura che approfittassero della bontà dei nonni e di tornare poi in una “terra di nessuno” dove tutte le regole che avevamo pacificamente istituito si fossero frantumate in mille pezzettini… (doppio ego materno!!).

Mettiamola così. Pensavo troppo e non in modo utile. Ecco, in questo Vlog ho pensato a TRE accorgimenti da rispettare per assentarsi e come preparare i tuoi figli (o solo un lui o una lei).

1Scegli quando dirglielo in base all’età. Per i bambini sotto i tre anni di età, suggerirei di dirlo con poco preavviso: la mattina stessa per la giornata o il giorno prima, per un paio di volte, se parti la mattina seguente di buon ora.
Questo perché i bambini dall’anno ai tre anni non hanno la nozione del tempo. Ci hanno messo mesi per capire la differenza tra notte e giorno… Figuriamoci tra mattina e pomeriggio. Per loro, ogni volta che si risvegliano è un nuovo giorno, anche se si tratta della nanna pomeridiana. E’ inutile angosciarli con troppa aspettativa di separazione perché tanto non capiscono e si aspettano chissà cosa per nulla…

Lo sapevi?

Lo sapevi che uno degli assiomi del Parenting Method dello Yale Parenting Method è che “ogni comportamento sottolineato è un comportamento rinforzato“? Stiamo quindi attenti a cosa rimproveriamo ai nostri figli e come li incoraggiamo.

2Per loro tutto è nuovo, quindi usa un tono calmo e rassicurante anche per questa… novità. Gli hai parlato della scuola materna con tranquillità. Era qualcosa che andava fatto e basta. Gli hai presentato l’uso del vasino e poi del water perché era qualcosa che andava fatto.
Per ogni novità, tra l’uso della forchetta o del bicchiere, hai usato un tono di voce calmo e sereno. Pertanto, se annunci la vostra idea di assentarvi per il week-end con tensione, paura, senso di colpa… Lo sai benissimo che i figli annusano questi sentimenti meglio di cani segugio. Quindi, respira e rilassati. Anche se fosse una “fuga d’amore” (anzi, ormai definiamole di “fughe di silenzio”) della coppia, ve la meritate e diteglielo s-e-r-e-n-a-m-e-n-t-e.



Diventa genitore leader e coach dei tuoi figli: coach comportamentale e leader emotivo » Figli Felici » Debora Conti
Diventa genitore leader e coach dei tuoi figli: coach comportamentale e leader emotivo » Figli Felici » Debora Conti
Diventa genitore leader e coach dei tuoi figli: coach comportamentale e leader emotivo » Figli Felici » Debora Conti
Corso dal vivo

Diventa il genitore che vuoi essere: il coach comportamentale dei tuoi figli, il leader emotivo dal primo anno all’inizio dell’adolescenza. Impara strumenti utili per un rapporto amorevole e rispettoso “per tutti” in famiglia. » Offerta in corso » TUA per 97€ anziché 129€

Voglio saperne di più



3Concentratevi su di loro, sul loro mondo. Ok, assentarsi ci sta, ma è controproducente dire che farete cose speciale, vi divertirete un sacco e – peccato – loro non possono venire. Se vi concentrate sul mondo dei vostri figli, loro sentiranno meno la vostra mancanza e si creeranno l’aspettativa di tutte le cose speciali che capiteranno a loro in vostra assenza.
Un w-e a casa dei nonni? Giochi speciali con la baby sitter che adorano? Possibilità di fare cose nuove? Di ingannare (benevolmente) nonni e baby sitter sui regolamenti di casa? Concentratevi sui loro vantaggi e arriveranno a dire: “Evviva, mamma e papà se ne vanno per qualche giorno!”.



TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!

Ciao, sono Debora, sperò che questo articolo “ASSENTARSI e come DIRLO a vostro FIGLIO” ti sia piacito. Se hai una domanda sull’argomento lasciami un commento e sarò molto felice di risponderti. Per approfondire puoi guardare anche il video, di presentazione del metodo Figli Felici. Ciao, grazie e a presto!


Rendi il tuo stile educativo amorevole & strutturato. Aiutali a crescere nel mondo: diventa oggi leader emotivo e coach comportamentale dei tuoi figli. Ti seguirò passo passo anche nel gruppo di supporto incluso. Puoi iniziare adesso con la formazione online.







Articoli più letti…


Il TEMPO per SÉ e il TEMPO per i FIGLI » Educare i bambini » Metodo Figli Felici » Debora Conti Il TEMPO per SÉ e il TEMPO per i FIGLI
Cara mamma che passi tutto il tuo tempo con i tuoi figli e solo con i tuoi figli, oggi ti voglio lanciare un messaggio: se ti ritrovi a rispondere in malo modo, troppo nervosamente a una richiesta “da bambino”… Stai attenta. Tu sei un adulto e hai bisogno di parlare con adulti, di staccarti a volte dalla logica dei bimbi. Non è per svago,… Prosegui


La RABBIA si butta FUORI! » Migliorare dialogo Figli » Metodo Figli Felici » Debora Conti La RABBIA si butta FUORI!
Le e-mozioni sono fatte per essere esternate. Anche la rabbia segue lo stesso principio: buttiamola fuori come ci insegna Penelope online. Penelope. In questo simpaticissimo video, commento la tecnica super efficace di Penelope, bimba che ha fatto il giro di tutti i social grazie a sua mamma che l’ha filmata mentre spiega cosa si fa con la… Prosegui


Un MODO EFFICACISSIMO per rispondere a una “SPIATA” sul FRATELLO » Linguaggio efficace figli » Metodo Figli Felici » Debora Conti Un MODO EFFICACISSIMO per rispondere a una “SPIATA” sul FRATELLO
“Mamma mamma, Luchino ha fatto cadere il bicchiere“ Come si affrontano le “spiate” dei fratelli? Cosa gli si dice? Quale atteggiamento migliore da mantenere? Innanzitutto, perché i bambini fanno gli spioni sui loro fratelli (o a scuola sui compagni)? Forse perché gli piace vederli nei guai? Forse perché vogliono vedere come se la… Prosegui


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *