Aggressività nei Terrible Twos

Mi scrive una mamma e mi parla del suo piccolo di 27 mesi. Ecco una tipica storia di aggressività nei terrible twos. Vediamo qualche consiglio da Figli Felici…



TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!


Mi scrive una mamma raccontandomi del suo piccolino che sbatte le ante della cucina e picchia il cane. Vediamo cosa possiamo suggerirle secondo i consigli di Figli Felici che faccio sperimentare al corso dal vivo e che racconto nell’audio corso Diventa Genitore Leader e Coach.

A questa mamma e a tutte le mamme, che come lei e come me hanno affrontato scatti di aggressività nei Terrible Twos, ecco cosa suggerirei:

  1. di provare innanzitutto a stare in silenzio al suo fianco e o aspettare o chiedere un abbraccio. dipende dal figlio, chiedere non costa nulla. La mia piccola in quei momenti non voleva un abbraccio, allora aspettavo
  2. se c’è pericolo, nel momento di urgenza, bloccare i possibili danni
  3. con tono dolce e fermo risvegliarlo dal suo gesto e dire che “Non si fa”. Non c’è bisogno di urlare, basta un tono fermo.
  4. Subito dopo però, nella stessa frase, è bene suggerire cosa si fa di corretto (Opposto Positivo nel metodo).
  5. Utilizzare lo “Shhhh” tanto caro alla bravissima Tracy Hogg
  6. Poi, dopo il momento di aggressività, si può pensare di ristabilire connessione emotiva e chiedere aiuto per soluzioni allo sfogo emotivo
  7. Nel caso del cane, si può aiutarlo a capire che il cane si fa male e – sempre dopo aver ristabilito la calma emotiva – portarlo ad accarezzare il cane
  8. Per future espressioni di rabbia, il bambino può esercitarsi con te in simulazioni per come fare per quando sarà arrabbiato. Una fra tante è quella di dire che è arrabbiato: “Sono arrabbiato”.

Ti rimando qui ai miei altri video blog su altre emozioni tra cui rabbia e tristezza.




Rendi il tuo stile educativo amorevole & strutturato. Aiutali a crescere nel mondo: diventa oggi leader emotivo e coach comportamentale dei tuoi figli. Ti seguirò passo passo anche nel gruppo di supporto incluso. Puoi iniziare adesso con la formazione online.











Potrebbe piacerti anche…

Bambino viziato? Ecco cosa fare per migliorarti la vita! Sai di avere un bambino viziato e vuoi porre rimedio. Diventa grande e non si può andare avanti così… Se va a casa di amici è un disastro, ti vergogni per i commenti delle mamme amiche, non sai come giustificarti, le scuse sono finite e tuo figlio è grande abbastanza per gestirsi da solo. Ecco alcun...
Time In: alternativa alle punizioni e al Time Out Un’alternativa alle punizioni e al Time Out dalla Positive Discipline è il Time In. Non è una ricompensa, non è un premio, è del tempo per calmarsi e imparare a gestire le proprie emozioni. Già il metodo comportamentale dello Yale Parenting Center che ha sperimentazioni e statistiche di successo all...
Come promuovere l’autonomia nei nostri figli Una frase semplice per promuovere l’autonomia e il senso di auto-efficacia nei nostri figli: Disponibili ma non a disposizione! Questa frase salva noi genitori dal dover stargli sempre dietro (e dai sensi di colpa che alcuni genitori provano se non lo fanno) e salva loro dall’avere sempre “la pappa ...
Mio figlio non parla con me, cosa fare in 7 punti «Mio figlio non parla con me», è triste confessare questa situazione. Ma se è vero e tuo figlio è ancora in età infantile, pensaci ora per tempo. Ha 8 anni, ne ha 10 e ti manca già di rispetto? Sta già in silenzio, non ti parla, non ti risponde e non sai cosa fare? E' presto, non sono ancora adoles...
Cosa sono veramente i capricci? Cosa sono veramente i capricci? Oggi lo sappiamo che non si tratta solo pretese senza senso. Ti parlo di tre cause che sfociano nei “capricci” incompresi. A seguito di un annuncio pubblicitario in cui usavo la parola “capricci”, una lettrice mi ha fatto notare che poteva essere mal interpretato. Ha ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *