6 cose fare di fronte a un capriccio

Cosa fare di fronte a un capriccio? Distinguiamoli perché NON sono tutti uguali e poi correggiamoli, preveniamoli, prepariamoci!



TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!


Non è il primo articolo che dedico ai capricci: qui parlo di 5 trucchi da adottare per risolvere i capricci, e qui parlo del Perché fanno i capricci?

Sembra che noi genitori siamo scioccati, irritati, a disagio di fronte ai loro capricci. E in effetti è così. Non scorderò mai il primo capriccio di mia figlia per terra in corridoio. Ne restai scioccata! Pensai che fosse strano, anormale, anomalo, da controllare!!! Ero in panico. Questo fu uno dei motivi che mi spinse a scoprire quanto diversa è la loro maturazione cerebrale da ciò che noi genitori ci aspettiamo e quanto i capricci siano NORMALI e DIVERSI tra loro.

E allora come distinguere i capricci e cosa fare per ciascuno di essi e poi come trattarli differentemente?

1 CONTIENI
Accogli e contieni se il capriccio è di un bimbo piccolo (fino ai 4 anni) e se arriva la sera o dopo un’attività intensa, perché è solo il frutto della stanchezza. Contieni eventuali danni che può fare a sé, cadendo, facendosi male, o ad altri, tirando accidentalmente un pezzo di costruzioni sul fratello! Non è da mettere in punizione, è solo da contenere. Da calmare, da portare via in un Time In tranquillo con musica e coccola.

2 ASCOLTA IL MESSAGGIO DI FONDO
Se tuo figlio che va alla materna o alle elementari ti dice che non vuole andare a scuola o non vuole andare al corso di ballo/karate/calcetto… Chiedigli il perché. Prendilo in un momento di tranquillità (ricorda: Connection Before Correction) e poi chiedigli il motivo del suo rifiuto, nervosismo, disagio. E se si tratta della scuola e non hai tempo la mattina di parlarne, promettigli che ne parlerete dopo la scuola in giornata e che troverete sicuramente una soluzione. Molto probabilmente la maestra lo ha sgridata/o o un compagno lo ha messo in imbarazzo. Va da sé che se la richiesta è espressa in modo drammatico e urgente, bisogna indagare un po’ di più per eventuali casi di bullismo… Ma questo dovrebbe essere manifesto già dal giorno prima, da silenzi, domande strane…

3 IGNORA QUEL CAPRICCIO DA VIZIO
Assolutamente meraviglioso è ignorare quei capricci che sono solo richieste, voglia del figlio di tirare la corda della disponibilità del genitore e vedere fino a cosa possono ottenere. La Positive Discipline ci insegna che il genitore deve essere dolce nella sua fermezza. Alcuni genitori sono così dolci che diventano zerbini e dimenticano per strada la fermezza. La fermezza crea una cornice di rispetto, di comportamento corretto, di educazione. Quindi, sei assolutamente autorizzato ad ignorare quel capriccio per volere una caramella in più quando hai già detto di “no”, quel capriccio al supermercato per il giochino di troppo, quel cartone alla TV oltre l’orario serale.

4 MANTIENI LA CALMA
In tutto questo, soprattutto per il precedente punto tre: mantieni la calma. Fatti un giro, esci fuori a respirare. Prenditi due minuti di Time Out del genitore. E’ importantissimo calmare se stessi prima di gestire un capriccio (che non sia di stanchezza o suo disagio) perché se parliamo a sproposito, se non conteniamo, se non diamo il nostro supporto, allora non serviamo in quel momento.

5 STAGLI DI FIANCO IN SILENZIO Alternativa validissima all’ignorare è stargli di fianco in silenzio. Anche quando è per terra ad agitarsi per quel cartone mancato. Tu puoi o finire di sparecchiare la tavola serenamente o, se preferisci, restare di fianco a tuo figlio, amorevolmente in silenzio, e aspettare. Aspetta che si calmi. Se dopo tre minuti non si calma, sei sollevato dalla posizione e dalla violenza sonora. Anzi, rischia di peggiorare le cose… Il metodo comportamentale dello Yale Parenting Center ci insegna statistiche alla mano che ogni comportamento sottolineato è un comportamento rinforzato. Se restargli accanto per lui è un rinforzo, fai prima a fare qualcos’altro, altrimenti lo rifarà senza capirne il motivo.

6 ANTICIPA La cosa migliore da fare è naturalmente giocare d’anticipo. Anticipa la stanchezza, contienila prima che esploda con una bella coccola o un cartone TV calmo dopo una giornata frenetica. Anticipa il capriccio del cartone parlandone con lui o lei e dicendo cosa succederà. Di tutto questo trovi approfondimenti nel metodo Figli Felici nelle sue forme, tra corso, online, libro e blog.

Aggiungi al tuo calendario la data del prossimo corso di Figli Felici a MILANO

iCalendar, Google Calendar, Outlook, Outlook Online, Yahoo! Calendar






Rendi il tuo stile educativo amorevole & strutturato. Aiutali a crescere nel mondo: diventa oggi leader emotivo e coach comportamentale dei tuoi figli. Ti seguirò passo passo anche nel gruppo di supporto incluso. Puoi iniziare adesso con la formazione online o il corso dal vivo.






Potrebbe piacerti anche…

Aggressività nei Terrible Twos Mi scrive una mamma e mi parla del suo piccolo di 27 mesi. Ecco una tipica storia di aggressività nei terrible twos. Vediamo qualche consiglio da Figli Felici… Mi scrive una mamma raccontandomi del suo piccolino che sbatte le ante della cucina e picchia il cane. Vediamo cosa possiamo suggerirle seco...
Non salvarli dalle emozioni La nostra società è concentrata sulla gestione delle emozioni e sulla buona riuscita in questo. E' un ottimo proposito, un buon passo avanti rispetto a prima quando si pensava solo (e necessariamente) a portare i soldi a casa per comprare il pane e il pezzo di bollito per la domenica. Al tempo le e...
Non è mai troppo tardi cambiare linea educativa Cos’è una linea educativa? È il modo in cui decidiamo di educare i nostri figli, o l’atteggiamento che manteniamo – consciamente o inconsciamente – con loro. Se ti sei resa/o conto che la tua linea educativa è troppo dura, insostenibile, stressante e scorretta, eccoti un video per te. Si può sempre ...
Chi è un genitore consapevole? Un genitore consapevole è un genitore che si fa domande… tante domande. Ecco perché qui ti parlo di Domande Utili e faccio degli esempi. In Programmazione Neuro Linguistica (PNL), propongo l’uso (smodato) di uno strumento pratico per “eccitare” la propria mente a vedere le soluzioni. Sto parlando de...
Emozioni dei figli: solitudine e rifiuto Le emozioni dei figli sono qualcosa di misterioso per molti genitori. Ne conosco molti che si aspettano che i propri figli siano già capaci di intendere le più fini sottigliezze emotive. Ne conosco altri poi, o forse le due categorie si sovrappongono spesso, che attribuiscono ai propri figli poteri ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *